Storia di Ravenna

Dagli Umbri a Roma
Dopo gli Etruschi sono gli Umbri (IV e V sec. a.C.) a stanziarsi in territorio ravennate. Verso il 350 a.C. gli Umbri soccombono ai Celti. Questi ultimi lasciano un’impronta importante ma devono capitolare di fronte all’emergente potenza romana.
Con la supremazia romana, tra l’età di Cesare e quella di Augusto, Ravenna si cinge di mura e si arricchisce di costruzioni pubbliche e private. Avanti il 14 d.C. Ottaviano Augusto inaugura  il porto militare (Classis), base per la flotta che controllerà l’Adriatico e l’Oriente. In questo periodo Claudio erige Port’Aurea (43 d.C) e Traiano (98-117) il primo acquedotto di Ravenna.

Sant’Apollinare
Con l’avvento del Cristianesimo, Ravenna accoglie e diffonde il Messaggio proveniente da Roma e dall’Oriente grazie all’opera evangelizzatrice di Sant’Apollinare (santo patrono della città).

Ravenna Capitale
Nel 402 Onorio trasferisce la capitale dell’Impero Romano d’Occidente a Ravenna. È Galla Placidia, sorella di Onorio, a comandare in una città che s’illumina della personalità religiosa e culturale del vescovo di Ravenna, San Pier Crisologo.
Lo splendore edilizio continua: sorgono San Giovanni Evangelista, la chiesa di Santa Croce e il Mausoleo di Galla Placidia. La storia di Ravenna segue quella di un Impero che scricchiola sotto il peso delle invasioni barbariche.
Dai barbari a Giustiniano 476 d.C.: Romolo Augustolo, ultimo imperatore d’Occidente, è deposto da Odoacre. Pochi anni dopo, lo stesso Odoacre capitola al re goto Teoderico, che diffonde il culto ariano. Il dominio goto continua fino al 540, quando l’esercito romano-bizantino inviato da Giustiniano entra a Ravenna. Con Giustiniano, che sognava l’unione di Occidente latino e Oriente greco in un sistema politico e religioso di pace, Ravenna vive un’epoca di massimo splendore. Un’età legata all’episcopato di Massimiano, il Vescovo di Ravenna che nel 547 consacra San Vitale e nel 549 S.Apollinare in Classe. Il fascino di quest’epoca trova massima espressione nella “cattedra d’avorio”, che oggi troneggia nel palazzo arcivescovile.

Cappella Arcivescovile
È monumento ortodosso cattolico costruito durante il regno di Teoderico. I mosaici sono di grande suggestione storico-teologica: la glorificazione di Cristo dominante è un chiaro elemento antiariano, mentre i martiri rappresentati sono una chiara affermazione dell’ortodossia cattolica.

Esarcato e autocefalia
Alla morte di Giustiniano, con la calata dei Longobardi in Italia, Ravenna diventa Esarcato, stato bizantino governato dall’esarca. L’”insula esarcale” resisterà a lungo all’invasione longobarda, rimanendo l’unico punto della penisola retto da leggi e costumi di derivazione romana. È in questo periodo che la chiesa Ravennate diffonde il cristianesimo nelle campagne con l’istituzione delle pievi.

Longobardi e Carolingi
La storia dell’Esarcato termina nel 751 con la conquista longobarda, cui segue quella franca: sarà proprio Pipino re dei Franchi a cedere la Romagna (donazione contestata da vari storici) al Pontefice Stefano II. Con la nascita dell’istituzione comunale, la signoria di Ravenna è contesa tra le famiglie Ubertini, Dusdei, Anastagi e Traversari. Saranno questi ultimi ad affermarsi, prima della calata di Federico II. Dal XIII secolo alla guida di Ravenna arriva la celebre famiglia Da Polenta, che ospiterà Dante fino alla sua morte (1318-1321).

Rinascimento
Nel 1440 la flotta veneta occupa Ravenna: il dominio veneziano durerà fino al 1509 e lascerà come grande testimonianza edile la Rocca Brancaleone. Successivamente, la sovranità dei papi su Ravenna si conserva fino alla rivoluzione francese. Dal 1797 Ravenna passa ai Francesi fino al 1815, in cui viene restaurato il governo pontificio. Nel 1849 Ravenna accoglie Garibaldi e Anita in fuga da Roma. Insorta nel 1859 Ravenna proclama l’annessione al Regno del Piemonte nel marzo 1860.
Di questo periodo sono nuovi edifici e restauri:
– Palazzo Comunale e il Palazzetto Veneto, del XV sec.,
– Sant’ Agata Maggiore e Santa Maria in Porto (XVII), i palazzi Rasponi e Spreti, XVIII secolo.

Museo Arcivescovile
Ha sede al primo piano del Palazzo Episcopale, unico episcopio sopravvissuto dell’ecumene cristiana antica. Il Museo conserva molte testimonianze (capitelli, epigrafi, mosaici) dell’antica Basilica Ursiana. Il reperto più importante è sicuramente la Cattedra d’avorio, donata al vescovo Massimiano. Nel Palazzo Arcivescovile si trova anche l’oratorio di S.Andrea (o cappella Arcivescovile), decorato da splendidi mosaici del V secolo. E’ uno dei monumenti dichiarati dall’UNESCO patrimonio dell’Umanità.