#ThursdayCoffee: Il Pavone

Il Pavone: animale sacro ad Era nell’antica Grecia, simbolo di regalità in Persia; nella cristianità delle origini assume il significato di resurrezione e rinascita. Il significato simbolico del pavone in epoca cristiana nasce principalmente da due aspetti: il primo è legato al cambio stagionale delle sue piume, che “rinascono” ogni primavera; il secondo è invece giustificato dalla convinzione, nata in epoca precristiana e testimoniata anche da Plinio il Vecchio, che la carne del pavone fosse incorruttibile.
Sant’Agostino stesso, nel “De Civitate Dei”, attribuisce proprietà antisettiche all’animale: durante un suo soggiorno a Cartagine aveva infatti osservato che le carni di pavone erano rimaste incorrotte anche dopo diversi giorni. Proprio in virtù di questa proprietà il pavone diventa per sant’Agostino anche il simbolo dell’uomo perfetto, giusto e santo, non corrotto da alcun vizio e che brilla di virtù, esattamente come si illumina di innumerevoli sfavillii la coda del pavone.

foto: particolare del sarcofago dell’esarca Isacio, VII sec., marmo proconnesio, basilica di SanVitale